L’avevano ridotto in fin di vita, ma la sua storia non doveva finire lì. Salvata grazie ad alcuni volontari!

 

Ci sono persone represse, cattive e meschine che non esitano a fare del male a persone e animali, senza alcun tipo di distinzione. Anzi, alcuni sembrano anche più esaltati all’idea di fare del male, torturando o ferendo, dei deboli.

La cronaca, nostro malgrado, tutti i giorni, ci rivela di casi di bambini picchiati, anziani derisi derubati e feriti. Ma non solo. Si sente purtroppo, sin troppo spesso, parlare di animali ridotti in fin di vita senza alcun motivo, proprio come nel caso di cui vi parleremo oggi.

Dei tipi, a Taiwan, hanno deciso di legare un cucciolo con degli elastici al collo. La povera bestiolina ha cominciato a gonfiarsi: più il cagnolino cercava di liberarsi degli elastici, più questi ultimi stingevano.

Il cane ha rischiato veramente di morire strozzato, ma fortunatamente i soccorsi sono arrivati appeno in tempo: una associazione di volontariato, avvisata da una segnalazione, gli ha salvato la vita. I veterinari hanno prima tagliato gli elastici poi hanno portato il povero cucciolo di tre mesi in ospedale veterinario, e lo hanno operato d’urgenza.

Le sue corde vocali purtroppo, erano già state lacerati. In ogni caso, è stato fortunato perché è riuscito ad avere salva la vita. Non potrà più abbaiare però, per la cattiveria degli esseri umani.

Vi raccontiamo di casi come questi con la speranza che possano comunque sensibilizzare le persone e cercare di spronarle a denunciare queste bestie che fanno del male, senza alcuna ragione plausibile, a poveri animali indifesi.

Guarda anche: