Questo barbiere si è buttato a terra per il suo piccolo cliente autistico. Il suo gesto in poco tempo è diventato virale

 
Condividi con i tuoi amici

Questa foto ha fatto il giro del mondo, diventando in pochissimo tempo virale. Lui è Franz Jacob, un barbiere di Rouyn-Noranda, in Quebec ed accanto a lui sdraiato a terra c’è un bambino di 7 anni, Wyatt Lafraniere, affetto da autismo.

La mamma del bambino ha scattato la foto e l’ha condivisa su Facebook, per mostrare come quest’uomo con un piccolo gesto non scontato, è entrato in contatto con suo figlio.
Franz Jacob è diventato l'”eroe” di questa mamma e del suo bambino. La mamma ha spiegato che al bambino non piace stare seduto, cosi Franz si è adattato ed ha esaudito tutte le esigenze del suo piccolo cliente. Il giovane parrucchiere chiamato in causa dopo la diffusione della foto ha spiegato: “È un servizio dovuto ai miei clienti, non faccio alcuna distinzione. Taglio i capelli anche a malati terminali. Mi chiedono di donargli un bell’aspetto per l’ultima volta, perché presto moriranno” ed ha aggiunto “Per tagliare i capelli a un bambino autistico, ci vogliono dai 60 ai 70 minuti”

Nelle parole di Franz si percepisce, come per lui sia naturale agire in questo modo, è il suo lavoro e ritiene di non aver fatto nulla di straordinario. Ma in realtà per questa madre e per altre persone quello che fa è molto straordinario. Queste le parole della madre del piccolo Wyatt riportate su il Mattino: «Jacob si prende cura di tutto, e non mi chiede nulla. Mi toglie un peso dalle spalle. Wyatt è sia ipo che iper-sensibile, ciò significa che non sente dolore quando gli toccano i capelli ma che il contatto per lui è comunque insopportabile. Normalmente gli altri barbieri vanno nel panico alla vista di Wyatt, quindi incontrare Jacob è stata veramente una fortuna».

Per molte mamme di bambini autistici vedere anche dei piccoli gesti fatti con il cuore nei confronti dei loro piccoli bambini, non può essere che di enorme conforto. Ci vorrebbero molti più Franz, di sicuro ce n’è già qualcuno in giro, ma probabilmente non è diventato famoso come lui.